Prenotazione

La tradizione incontra l’ospitalità

L’origine del nome “Anewandter” non è chiara. Secondo alcuni fonti potrebbe provenire da “an der Wand” (alla parete di roccia), mentre secondo altri autori proverrebbe da “umwenden” e significherebbe “rivoltare (arare) la terra”.

Villa Ottone si trova a 840 metri sul livello del mare ed è una frazione del Comune di Gais, nei pressi di Brunico, la località principale della Val Pusteria. Il nome tedesco di Villa Ottone, “Uttenheim”, deriva, secondo lo studioso dei toponimi Karl Finsterwalder, dall’antico bavaro “Uota”.

Villa Ottone viene menzionata per la prima volta in un documento nel 993. Nel XI secolo, i signori di Uttenheim costruirono probabilmente il loro castello sullo sperone roccioso che domina il paese, i cui ruderi sono visibili ancora oggi. 

1929
Nel lontano anno 1929 Jakob Mairl acquistò l’antica “locanda Anewandter”, allora una proprietà agricola definita come “maso chiuso”. Poiché una taverna spesso rappresentava il centro della vita paesana, non sorprende il fatto che a quel tempo anche l’ufficio postale e il calzolaio si trovassero nella locanda Anewandter. A quell’epoca la locanda Anewandter disponeva di circa 5 stanze per gli ospiti. 

1939 - 1945
Seguì il difficile periodo della Seconda Guerra Mondiale (1939 - 1945)
, che lasciò le sue tracce anche a Villa Ottone. La nostra nonna, Margareth Mairl, racconta che a quel tempo i soldati trovavano spesso ospitalità nella locanda.

1974
Nel 1974 suo figlio Max Mairl rilevò l' “Albergo Anewandter”.
Il turismo nella Val Pusteria e intorno al Plan de Corones si sviluppò in modo esponenziale e così l’antica locanda venne ampliata e diventò l’”Hotel Anewandter”. Si rifletté inoltre sulla possibilità di separare il maso Anewandter dalla proprietà.

1988
Nel 1988 il Consiglio comunale concesse l’autorizzazione alla separazione del “maso Anewandter” dal resto della proprietà. Così il maso fu pronto per l’operazione di “trasferimento”.

1996
Nel 1996 venne costruita l’area benessere
secondo il modello delle terme romane, aggiungendo al tempo stesso nuove camere confortevoli.

1997
Nel 1997 venne effettuata un’ulteriore ristrutturazione
e nacque l’Hotel Anewandter, che prevedeva un rinnovo e un ampliamento delle camere.

2000
Tre anni dopo, nel 2000, la nuova struttura fu infine resa abitabile. È stata realizzata con grande attenzione ai dettagli e amplia la nostra offerta per gli ospiti con quattro nuovi appartamenti. Nella vicina scuderia si trovano inoltre 4 moderni box per cavalli. Un’area recintata per i cavalli e la campagna circostante permettono di trascorrere una vacanza con la famiglia immersi nella natura della località di villeggiatura del Plan de Corones.

2005
All’Hotel Anewandter si percepisce ancora l’accogliente spirito dell’antica locanda in tanti piccoli dettagli e i proprietari si premurano di rispettare la tradizione pur offrendo il massimo comfort agli ospiti dell’hotel. Nel 2005, ad esempio, viene installato un ascensore. 

2006
Nel 2006 è Martin Mairl con sua moglie Monika a rilevare la gestione dell’hotel.
 

2007
Nel 2007 le camere vengono nuovamente modernizzate
e adeguate alle sempre crescenti esigenze di qualità degli ospiti. Nello stesso momento il prato dell’hotel viene trasformato in un’oasi di quiete con giardino e arredato di confortevoli gazebo, diventando un confortevole spazio per organizzare grigliate e feste estive in giardino.

2012
Nel 2012 viene effettuata un’ulteriore ristrutturazione qualitativa delle camere.

2015
Da marzo ad aprile 2015 viene effettuata un’importante ristrutturazione che prevede l’integrazione dei locali tirolesi con due nuovi locali in stile rustico e le “suite Anewandter”, che rinnovano completamente la tradizionale idea di “vacanza”.

2018
Nella primavera 2018 avviene un’altra grande ristrutturazione con nuove suite e rinnovo di ingresso, bar, reception, cucina e sala ristorante. Anche l’area esterna viene ristrutturata e il mondo della stube completato.

P. IVA IT02929790216 | Colofone | Privacy Policy | Cookies | © webdesign by gorfer.com